Calcestruzzo armato e protezione catodica – 4 novembre 2017 – Energia Media

Proprio un anno fa, nell’ottobre del 2016 in località Annone di Brianza un viadotto sovrastante la superstrada Milano – Lecco, crolla sotto al peso di un tir che lo stava attraversando. Il crollo coinvolge le auto in transito sulla sottostante superstrada provocando una vittima e numerosi feriti. Qualche giorno più tardi gli organi di stampa riportarono che, dai rilievi e dalle analisi effettuate sul luogo dell’incidente, il crollo sarebbe stato probabilmente causato dal cedimento strutturale in quanto alcune armature in acciaio al carbonio del calcestruzzo sarebbero state corrose.
Mentre nei terreni e in acqua di mare e in atmosfera l’acciaio è soggetto a diverse forme di corrosione, non ci si aspetterebbe, normalmente, di incontrare fenomeni corrosivi all’interno del calcestruzzo a causa della sua elevata alcalinità.

Approfondiscono il tema Marco Cattalini di APCE e Marco Ormellese del Politecnico di Milano.

APCE, Associazione per Protezione dalle Corrosioni Elettrolitiche propone alcuni approfondimenti per meglio capire l’importanza della protezione. CLICCA QUI per approfondire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *